La nuova stagione

 In Editoriale

Vorrei analizzare gli eventi che hanno caratterizzato la nostra comunità negli scorsi mesi.
Le grandi questioni sul tappeto sono certamente quella ambientale e la difesa di sevizi sanitari essenziali per un territorio con caratteristiche montane. Un primo dato di grandissimo rilievo è la partecipazione popolare che ha visto in particolare l’impegno sereno e motivato delle donne, in primis mamme. Dunque il risveglio prezioso di un senso di cittadinanza attiva e di responsabilità verso il futuro dei nostri figli e delle future generazioni.Il tema dell’ambiente, in particolare della sua qualità, è argomento cogente, intorno al quale è assolutamente legittimo, che i cittadini esprimano la propria opinione, le proprie perplessità, e pongano legittime domande poste con correttezza e documentazione. I responsabili della cosa pubblica devono rispettare tali comportamenti in quanto fisiologico funzionamento della democrazia. Di fronte al disagio fisico segnalato in questi mesi da tanti cittadini e da intense testimonianze scritte, il compito istituzionale delle autorità competenti deve essere quello di certificare nella chiarezza e trasparenza, l’esatta situazione della qualità dell’aria che è la fonte di ogni vita. E il fatto che il problema tocchi soprattutto le persone più fragili e sensibili medicalmente,è un motivo in più per monitorare con estrema professionalità, quotidianamente, i dati relativi alla qualità dell’aria. Avranno i cittadini il diritto sacrosanto di avere delle risposte precise e soprattutto documentate scientificamente?
Oggi la tecnologia dispone di conoscenze e strumenti perché il diritto al lavoro e al prioritario diritto alla salute possano convivere, eliminando magari, quelle parti dei cicli produttivi ” a rischio” ambientale.A preoccuparci è il futuro della nostra valle e ci chiediamo se i fragili equilibri che la caratterizzano possano resistere a tale impatto. Dunque una nuova stagione, Una comunità è viva se ha cura di se stessa , se ciascuno si assume la responsabilità dell’altro. Quella fragile tenda delle mamme che resiste alla pioggia, alla neve, al vento come concreto richiamo alle istituzioni a garantire servizi sanitari dignitosi e indispensabili in una realtà montana come la nostra, è davvero il segno che stiamo vivendo la novità di una nuova stagione. Certamente ci sono criteri per stabilire quali servizi sanitari debbano sopravvivere nei diversi territori, ma non va dimenticato che le nostre terre di montagna hanno esigenze particolari per la posizione isolata e lontana di tante frazioni,per l’invecchiamento della popolazione, per una viabilità problematica, per la marginalità geografica dei nostri paesi. Forse vogliamo ancora una volta creare disuguaglianza?

Tratto dal profilo Facebook di Mauro Bernardi

Recent Posts
Contattaci

La nostra mission è preservare l'ambiente per noi e per i nostri discendenti.

Not readable? Change text. captcha txt

Start typing and press Enter to search

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi