LE NOSTRE PROPOSTE AL TAVOLO TECNICO

 In Comunicazioni di servizio, Novità

Le proposte presentate al Tavolo tecnico del 4 aprile 2018

Dall’installazione dei filtri a carboni attivi e la ripartenza dell’attività produttiva, a settembre 2017, sono ricominciate le segnalazioni di odori e irritazioni alle prime vie respiratorie e all’epidermide da parte dei cittadini di Borgo Val di Taro: 157 segnalazioni a Medici di famiglia e Pediatri di libera scelta nel periodo settembre/ dicembre 2017, 35 a gennaio, 38 a febbraio, in aumento a marzo, secondo le previsioni degli stessi professionisti.
L’intensificarsi delle segnalazioni, in particolare tra le fasce più deboli della popolazione, ha indotto i MMG e PLS a protocollare una lettera a sindaco e AUSL (23.02.18), e una rappresentanza di genitori a recarsi in provveditorato per chiedere un intervento urgente a tutela degli alunni dell’Istituto Comprensivo PV Manara di San Rocco.
Di fronte ad una situazione di oggettivo disagio, Regione ed enti competenti hanno risposto proponendo una serie di provvedimenti volti ad approfondire il problema delle emissioni e le sue ricadute sulla salute pubblica, avvalorando la tesi, da noi sempre sostenuta, che siamo di fronte ad una situazione tutt’altro che sotto controllo e, di conseguenza, non si può affermare con certezza che quanto immesso in atmosfera non abbia ricadute sulla salute dei cittadini di Borgotaro. Per questo, riteniamo che, prima di qualsiasi azione volta ad approfondire e spiegare quello che sta accadendo all’aria di Borgotaro, gli enti competenti debbano adottare il principio di precauzione e far valere quanto previsto dall’art. 28, comma 6 e 7 del T.U. Ambiente, sospendendo temporaneamente l’attività dell’azienda. Questa azione permetterà, da un lato, di dare il tempo ad Arpae di dotarsi degli idonei strumenti di monitoraggio in continuo e non, e dall’altra di valutare se effettivamente al fermo della produzione corrisponda una interruzione delle segnalazioni. Inoltre, riteniamo che il presente tavolo, che coinvolge soggetti rappresentativi ma non qualificati ad entrare nel merito delle questioni tecniche, non sia il luogo adatto a discutere e decidere le azioni necessarie ad approfondire il problema e spiegarne le cause. Per questo chiediamo che si istituiscano al più presto tavoli di esperti e tecnici che si occupino degli aspetti sanitari ed ambientali.

Protocollo Sanitario
Sul “percorso gratuito e dedicato per assicurare approfondimenti diagnostici a favore dei cittadini con reazioni di tipo irritativo, per il quale il medico di famiglia e il pediatra di libera scelta, se lo riterranno necessario, potranno attivare una consulenza con colleghi specialisti in allergologia, otorinolaringoiatria e dermatologia, per valutare insieme l’opportunità di sottoporre a ulteriore visita il paziente” siamo a sottolineare alcune criticità. In primis, parliamo di specialisti che non operano tutti i giorni a Borgotaro, e questo costringerà i pazienti a dover attendere diversi giorni prima della visita, con la possibile conseguenza di non poter verificare tempestivamente i sintomi acuti. Inoltre, riteniamo che una visita specialistica non sia sufficiente ad indagare il problema se non verrà seguita da esame citologico per individuarne la causa.
Per ovviare a questi problemi, chiediamo che il pool di specialisti dell’Azienda Sanitaria venga integrato con una figura che opera sul nostro territorio da molti anni, specialista otorinolaringoiatra stimato da tutta la comunità, ovvero il dottor Mauro Bernardi, che ha già dato disponibilità a collaborare; che il pool di specialisti stabilisca quali accertamenti effettuare per definire il problema e la sue cause; che il tavolo tecnico veda tra i coordinatori anche un medico indipendente, possibilmente individuato tra quelli iscritti all’Associazione Medici per l’Ambiente (ISDE); e che l’obiettivo principale di suddette azioni sia quello di indagare le eventuali correlazioni tra emissioni in atmosfera e problemi sanitari.

Protocollo Ambientale
In sede di tavolo tecnico, il direttore Arpae, dottor Eriberto De Munari, ha comunicato che il monitoraggio, previsto da Arpae, riguarderà l’acido cloridrico e gli ossidi di zolfo nonché le SOV totali (Sostanze organiche volatili). Alla luce di quanto emerso negli ultimi mesi sui limiti dei protocolli di monitoraggio previsti dalla Regione Emilia Romagna, chiediamo che il monitoraggio del camino E13a riguardi anche le seguenti sostanze: Acroleina (con metodo idoneo), Formaldeide, Acetaldeide, Propionaldeide, Aldeidi totali, SOV totali, Benzene, Benzo(a)pirene, Acido solforico, acido cianidrico, acido cloridrico. Chiediamo che il monitoraggio, ove possibile in continuo, venga effettuato anche su ATM per le seguenti sostanze: Acroleina (con metodo idoneo), Formaldeide, Acetaldeide, Propionaldeide, Aldeidi totali, Benzene, Polveri, SOV totali, Acido cianidrico, Acido solforico, acido cloridrico. Chiediamo, per i SOV totali e le aldeidi totali, che il monitoraggio sul camino E13a venga effettuato pre e post filtri (sia a monte che a valle dell’impianto a carboni attivi). Chiediamo che le rilevazioni dei SOV e delle U.O. vengano effettate contemporaneamente (nello stesso orario e per lo stesso tipo di produzione) in modo da poter mettere in correlazione i relativi valori. Chiediamo che per tutte le sostanze oggetto di indagine ci vengano forniti i limiti previsti in AIA.

Finanziamenti e consulenze
Rispetto all’annuncio, da parte dell’Assessore all’Ambiente, Paola Gazzolo, di un impegno di spesa di 400.000 euro per “nuova strumentazione necessaria alla rilevazione delle sostanze emesse” riteniamo che l’allocazione di risorse pubbliche debba essere decisa dai tavoli tecnici che si andranno a costituire – così come le proposte di coinvolgere enti terzi, come ISS e CNR – e debba essere rendicontata con la massima trasparenza.

Borgo Val di Taro, 3 aprile 2018

Recent Posts
Contattaci

La nostra mission è preservare l'ambiente per noi e per i nostri discendenti.

Not readable? Change text. captcha txt

Start typing and press Enter to search

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi